Fotografo Ivan da oltre 10 anni, continuerò a fotografarlo e per la prima volta gli ho fatto un book.

 

IVAN RISTALLO

Due anni fa entra a far parte della Lindsay Kemp Dance Company, importante realtà di teatrodanza a livello internazionale. Viene scelto, tra decine di attori provinati, dal famoso regista e coreografo Lindsay Kemp come protagonista della sua particolarissima versione di “Histoire du soldat”. Nel primo atto dello spettacolo “Kemp Dances”, divide la scena con la star inglese. Nel secondo atto, in scena con Daniela Maccari, interpreta “Mi Vida“, coreografia di grande impatto, creata dal grande coreografo Luc Bouy per le due etoile Luciana Savignano e Massimo Murru, appositamente rimontata per l’occasione.
Lo spettacolo è stato in tour in alcuni dei più grandi teatri italiani tra cui il Teatro Brancaccio di Roma, il Rossetti di Trieste, il Teatro Due di Parma, il Teatro Duse di Genova e nel nord della Spagna, registrando il soldout ad ogni replica.
Nel 2013 esce in tutte le sale italiane Uci Cinemas il film “Italy Amore mio” di Ettore Pasculli di cui è coprotagonista nella parte del ballerino Cristian Botta. Nel film recita anche la sua prima insegnante di danza, la coreografa Susanna Beltrami.
Il debutto sulle scene avviene giovanissimo nella compagnia di Micha van Hoecke, che lo conferma come interprete per dieci produzioni tra cui Carmina Burana, Macbeth, MariaCallas e Faust. In seguito balla professionalmente coreografie di Luc Bouy, Giuseppe Carbone, Anna Cuocolo.
Fondamentale per la formazione artistica di Ristallo è l’incontro con la coach dell’Actor Studio di New York Ilza Prestinari. Segue i suoi corsi di recitazione per diversi anni.
In seguito si diploma in arte drammatica presso l’accademia Teatro Azione. Tutt’ora continua il lavoro di method acting con Siddhartha Prestinari, figlia di Ilza, in qualità di assistente.
Il coreografo belga Luc Bouy rimonta per lui “L’aprésmidi d’un faune”, coreografia creata in origine per il Teatro dell’Opera di Roma. Il pezzo, di undici minuti, fa parte dello spettacolo “Isole Tersicoree”, il primo della compagnia fondata da Bouy.
Segue un intenso periodo come attore di teatro che lo porta ad alternare ruoli contemporanei e trasgressivi come ne “Il lottatore” scritto e diretto da Fabrizio Ansaldo, a ruoli classici, tra cui Giasone in “Medea”, Dioniso in “Baccanti” di Melissa Regolanti e “Ippolito” di Marco Blanchi che lo vede protagonista.
In qualità di insegnante ha tenuto corsi di teatrodanza presso le scuole Teatro-Azione diretta da Isabella Del Bianco, Free Mistake Projet diretta da Francesca Viscardi, La Fonte di Castalia diretta da Marika Murri e l’Ambasciata Americana a Roma.

“ Durante questi anni di insegnamento mi sono accorto che ci sono molti artisti che vorrebbero avvicinarsi alla danza. Ho concentrato le tecniche apprese durante la mia lunga gavetta di studente, prima come danzatore e poi come attore, costruendo il mio metodo di lavoroche consente di avvicinarsi a questa affascinante forma di espressione partendo da quello che ogni artista è. Perché se la tecnica è uguale per tutti, il modo per arrivarci è diverso per ognuno.”